Autore: Maria Pia

Sommelier

No Comments

Se si andrà a votare,
voterò per non dimenticare
ciò che la vita insegna
appena inizia a sfiorire

Accendere lumi al naso, invece

/ prima /

scovare quel Sommelier
dal credito facile,
nero cappotto
essenziale nel vestirti
mentre bevevi a crepapelle
infreddolito
senza vedere né sentire
oltre il narciso fiorito

/ poi /

quando non corresse un caffè caldo
sminuito,
morbida sciarpa in inverno
a scaldarti il fiato

che era parte di un altro bello

Misure di colli invalicabili
annuirono

e della stessa aria non sapesti che farne

© ore 9,16

TanKa

No Comments

Sull’acqueo soffio
silenziosa scivola
culla di piume –

gli alberi si spogliano
li dirige la luna

© ore 8,11

Il passo solitario

No Comments

E ci guardammo parole –
poiché i volti per tanto latitarono
da non più meritarsi

L’ultima della fila
fu mia – ineluttabile
con dignità rimasta
a guardia dell’antica vita
a sopravvivere cranica
i troppi accenti sbagliati

Potente da specchiarsi
senza arrosare guance,
senza essere capita
se non dalla tua costola
amata

Ebbe di che lamentarsi
– il passo solitario –
annusando poi tra calle e canne
la brezza stimolata dalle barche
e dagli stretti palazzi …

… lì dove l’immagine viene
ad ampliarsi su salsedine nostalgica

e sempre rimane eterna ad aspettarci

© ore 8,48

Nel blu di un sangue blu vernice

No Comments

Nessuno s’inchini al cospetto di una corona regale, in modo che Chi la porta possa sentire il vero peso di un diritto agguantato … fino a farla cadere.

E il nudo Capo per raccoglierla sia costretto a piegare la schiena come tutti coloro che per lui l’hanno piegata.

© ore 12,30

Cose

No Comments

… e dare moto e modo …

alla passione incontrollabile del vento
che va dove lo reca l’onda inesistente
e senza porte

ma è così che vita chiama a vita, e dal cuore
della notte ci riporta al sole

al gusto delle cose, chiamando cose
anche quelle con un nome

© ore 7,25

Vent’anni di vento

Ieri – nel Nostro ieri –
l’aria era la stessa e diversa

Non soffiava primavera
ma pur pluralizzata
mi lasciava negli occhi
liceali stelle

lo sguardo che mi dicevi
di una rosa magnetica

/ ed era vero /

e tu non sai quanti
intorno si rapivano al mio segno …

…così piena d’Amore io
a non più vent’anni di vento

© ore 8,14

TanKa

Lama di luce –
All’orizzonte plana
il mio sesso in due

Muliebre salsedine
e la mia voglia è la Tua

© ore 8,45

Mio Ciliegio

Piange Dio
la sera dei secoli –
e se non piange Lui
piango io
non rimanendo indifferente

So che la notte è vicina

e volo


ancora mio ciliegio,
all’abbattuto tronco
inerme,
fuggente
da catrame e ferro,
riavvolgendo fili e sfere
fino al mio numero primo

laddove
mi fiorivi gigantesco
per darmi
drupe gonfie di nettare
sanguigne nel loro Essere

/ Ebbra di lava dionisiaca
la tua e la mia impazienza /

© ore 7,19

Luna d’arancia

Si perde l’orizzonte
oltre spazi sconfinati

/ era di siepe lo sguardo
e non ci credevamo /

fra campi erbosi
l’acqua correva giochi a nascondino,
ogni spicchio di luna sapeva d’arancia
rara

ora
immagina il deserto –

l’intriso secco cemento che sta lì a ricordare
nelle ore più buie
come veloce ci mastica il tempo
dei semafori

e in quelle più amare, quanto fu dolce

… S u m m e r …

nell’unire le Nostre guance

© ore 7,00

Estasi

Fra sguardo e gambe
s’insinuano
le dita Tue d’Amante

Dolci scivolano
nell’ebbro bagnato
allo slargo che chiama
labbra a labbra
forte sussurro d’acqua
sete magnanima

Precipita la pelle
da un trapezio d’aria
vortice d’estasi
profumate acrobazie
mentre il desiderio – tutto –
entra nel lago di Carezza

e sotto una pioggia di stelle
… lei si domanda …
dove sono finiti gli anni

© ore 14,00