Il Tuo fiore

No Comments

Aprimi
ti prego aprimi

e torniamo a ieri

Prima di quel sangue sul selciato
a memoria ancora vergine
su quel verde prato a ferite che non fiatano
nel mio porto di cristallo navigarci a gonfie vene
tenerezze estreme con il rosso intatto

bacio dopo bacio

/il Tuo fiore a sbocciarmi fra le labbra/

Condividi su:

Lascia un commento